Home

AKTUELL, 27.06.2022 | AUTOR: Dr. André Kirchhofer

Iniziativa per gli autisti: sforzi superflui e controproducenti per i dettami salariali dello Stato nell'industria dei trasporti svizzera!

La Svizzera. L'associazione dei veicoli commerciali ASTAG è molto scettica riguardo all'"iniziativa autista" lanciata oggi da Les Routiers Suisses. I salari nel settore del trasporto su strada sono equi e un ulteriore intervento dello Stato sarebbe superfluo o addirittura controproducente. La posizione definitiva dell'ASTAG sarà determinata in un'assemblea straordinaria dei delegati.

Il partenariato sociale nel settore del trasporto stradale svizzero, in vigore dal 2006, ha dimostrato la sua validità. In diversi accordi a livello nazionale e cantonale - oltre ai requisiti di legge - sono stati negoziati importanti risultati a vantaggio reciproco di datori di lavoro e lavoratori. L'Associazione svizzera dei veicoli commerciali ASTAG nota quindi con disappunto e grande scetticismo che Les Routiers Suisses LRS, l'associazione degli autisti professionisti, sembra voler prendere una strada diversa. Con la cosiddetta "iniziativa per gli autisti", lanciata ufficialmente oggi con la pubblicazione sul Foglio Federale, si intende prescrivere, attraverso una disposizione costituzionale, salari standard vincolanti per il trasporto di merci e passeggeri in tutta la Svizzera. "Il partenariato sociale viene così messo in discussione unilateralmente e inutilmente da LRS", afferma il Presidente del Consiglio degli Stati e dell'ASTAG centrale Thierry Burkart: "Si tratta di una chiara violazione della fiducia!". 

Salari equi secondo un'indagine rappresentativa

In linea di principio, il livello salariale del trasporto stradale svizzero su camion e autobus è già adeguato ed equo. Autobus e pullman è già appropriato ed equo. Come mostra un'indagine rappresentativa condotta dall'istituto di ricerche di mercato e di opinione gfs.Bern nel maggio 2022, il salario medio è di oltre 5.500 franchi svizzeri al mese. Anche la Segreteria di Stato per gli Affari Economici (SECO) e la Commissione Tripartita (TPK) della Confederazione hanno ripetutamente affermato che l'industria dei trasporti si comporta per lo più correttamente in materia salariale. Rispetto ad altri settori, non c'è un tasso di abuso superiore alla media.

L'USTRA attribuisce pertanto la massima importanza al mantenimento della libertà contrattuale. Salari dovrebbero essere negoziati individualmente tra i datori di lavoro e i lavoratori. È inoltre di fondamentale importanza che gli accordi e i regolamenti esistenti a livello cantonale - come è stato fatto regolarmente finora - vengano costantemente sviluppati sotto la responsabilità delle sezioni dell'USTRA e della LRS. In questo modo, i disaccordi che si verificano molto raramente ma che fanno parte del sistema (anche in materia salariale) potrebbero e possono spesso essere risolti in modo soddisfacente. L'intervento dello Stato, invece, è superfluo, costoso e persino controproducente: porta a imposizioni salariali, ad allineamenti salariali al ribasso e a costi di applicazione irragionevolmente elevati.

L'iniziativa è anche una pubblicità negativa e quindi dannosa per l'immagine dell'intero settore. Soprattutto, la professione di autista viene erroneamente dipinta come molto peggiore di quanto non sia in realtà, il che rende ancora più difficile la già difficile ricerca di un numero sufficiente di lavoratori qualificati. "I Routiers Suisses stanno rendendo un cattivo servizio alla preoccupazione comune di trovare abbastanza giovani talenti", ha dichiarato il direttore dell'ASTAG Reto Jaussi.

A tempo debito si terrà un'assemblea straordinaria dei delegati per decidere la posizione dell'ASTAG sull'"iniziativa per gli autisti" e per sostenere la raccolta di firme. In passato, il Consiglio centrale si è già espresso molto chiaramente contro i salari minimi vincolanti per tutta la Svizzera. "Il mercato del lavoro nel settore dell'autotrasporto funziona bene", sottolinea il presidente centrale Thierry Burkart: "Non c'è bisogno di ulteriori regolamentazioni!".

Ulteriori informazioni: 

ASTAG Associazione svizzera dei veicoli commerciali
André Kirchhofer
079 659 86 86

Berna, 12 luglio 2022